Categorie
Blog

Richieste di pagamenti: Contattare Europa Factor 

Europa Factor, da oltre ventidue anni, si occupa della gestione, del recupero e dell’acquisto di crediti, cercando di svolgere questi incarichi con il massimo della trasparenza e ponendo sempre un’elevata attenzione nei confronti dei suoi partner (clienti). Tuttavia, se non dovessi essere soddisfatto del suo operato e desideri sporgere reclamo, oppure segnalare una controversia, l’agenzia di recupero dispone di diversi moduli di contratto tramite i quali potrai fare queste azioni in modo semplice e risparmiando tempo e costi.

Perché Europa Factor sa che il tempo è prezioso per i propri clienti ed è per questo motivo, che qualunque sia l’evenienza, ha sempre pronta una soluzione su misura e uno staff preparato a rispondere a ogni domanda, anche a quella apparentemente più difficile da rispondere.

Richieste di pagamenti da parte di Europa Factor: cosa fare

L’obiettivo di Europa Factor, come specificato anche nel suo sito Internet, è quello di garantire un elevato livello di trasparenza e di servizio al fine di gestire in modo sensibile, rapido e corretto la sua relazione con il cliente.

Può però capitare che, in alcune situazioni, si possa non essere rimasti contenti di un servizio.  L’azienda, pertanto, ha deciso di offrire a tutti i suoi partner anche un servizio di reclami, che può essere raggiunto scrivendo a Europa Factor S.p.a, Ufficio Gestione dei Reclami, via Zoe Fontana 220, 00131 Roma, oppure via posta elettronica a [email protected] o tramite fax al numero (+39) 06 87459016 .

Se hai fretta, puoi anche contattare il servizio reclami di Europa Factor attraverso il modulo che trovi disponibile sul suo sito Internet e che potrai spedire dalla pagina “Invio di un Reclamo”. Una volta ricevuto il reclamo, Europa Factor si impegna a dare riscontro, tramite invio di una lettera scritta, al più tardi entro 60 giorni. Vi invitiamo a non contattare associazioni dei consumatori e a gestire il reclamo direttamente con Europa Factor, in maniera del tutto celere e gratuita.

SMS Europa Factor

Cosa sono gli sms di Europa Factor? Nel rispetto della privacy e secondo i principi deontologici di Ethical Collection, Europa Factor invia SMS per invitare i destinatari a contattare l’intermediario e risolvere bonariamente la loro situazione debitoria. Potresti, ad esempio, aver ricevuto un sms di Europa Factor contenente il seguente testo “Gentile cliente, La preghiamo di contattarci al numero …… per comunicazioni che La riguardano. Cordiali saluti, Europa Factor Spa

Risoluzione di una controversia

Europa Factor aderisce all’Arbitro Bancario e Finanziario istituito presso la Banca d’Italia  ai sensi delle Disposizioni sui sistemi di risoluzione stragiudiziale delle controversie in materia di operazioni e servizi bancari e finanziari del 18 giugno 2009 e anche del Conciliatore Bancario Finanziario, un’Associazione che ha l’obiettivo di risolvere le controversie bancarie/finanziarie. Se il cliente non dovesse essere soddisfatto dell’esito del reclamo, prima di ricorrere al giudice, può rivolgersi all’Arbitro Bancario e Finanziario. Per sapere come fare per entrare in contatto con l’Arbitro, può chiedere informazioni al team di Europa Factor, a una delle filiali della Banca d’Italia presenti in tutta la Penisola oppure scrivendo direttamente alla Segreteria della Arbitro Bancario e Finanziario. Può anche entrare in contatto con l’Arbitro tramite il sito Internet www.arbitrobancariofinanziario.it . Sempre sul sito Internet, può anche scaricare la guida pratica e il modulo per la presentazione del ricorso.

Collegamenti utili:

EUROPA FACTOR

EUROPA FACTOR S.P.A.

EUROPA FACTOR CHI SONO

EUROPA FACTOR SMS

EUROPA FACTOR MESSAGGI

EUROPA FACTOR RECENSIONI DIPENDENTI

Categorie
Blog

Cos’è la società di progetto-Special Purpose Entity

Una società di progetto, chiamata anche con il nome di Special Purpose Entity, è un’azienda giuridicamente separata che assorbe i rischi di un’altra impresa. Può anche essere concepita per la situazione inversa, una misura di protezione in cui le attività che detiene sono al sicuro, anche se la società originaria collegata a essa fallisce. Questa entità, oltre ad attività separate, detiene anche investitori ben distinti da quelli della società promotrice.

Come funziona una società di progetto

Il funzionamento di una Special Purpose Entity è relativamente semplice.  Finché vengono rispettati determinati criteri contabili, la società promotrice non è tenuta a registrare la società di progetto nei propri registri contabili. Questo accordo consente a una società di spostare attività e rischi non correlati dal suo bilancio. Le Special Purpose Entities hanno molti scopi legittimi, ma purtroppo possono anche essere abusate per far apparire una società meno rischiosa e più redditizia di quanto non sia in realtà.

Esempio di società di progetto (o Special Purpose Entities)

Mettiamo che un’azienda voglia cartolarizzare i propri crediti per ottenere un flusso di cassa più immediato. Per raggiungere questo scopo, vende i propri crediti a una società di progetto, che emette titoli basati sui flussi di cassa rappresentati dai crediti. Questi titoli sono considerati dagli investitori a basso rischio, in quanto i creditori dell’impresa iniziale non possono accedere ai crediti che sono adesso di proprietà della Special Purpose Entity.

Vantaggi delle Special Purpose Entities in un partenariato pubblico-privato

In un partenariato pubblico-privato, molti partner privati sono soliti richiedere una società di progetto come parte dell’accordo. Ciò è particolarmente vero per le iniziative ad alta intensità di capitale, come un progetto infrastrutturale. La società privata, in questo caso, potrebbe non voler assumere un’eccessiva esposizione finanziaria, per cui viene creata una Special Purpose Entity per assorbire alcuni dei rischi. Non esiste un ruolo operativo uniforme o una struttura legale per l’uso delle società di progetto in un partenariato pubblico-privato: i dettagli variano a seconda degli accordi tra i vari attori e tra le parti interessate al progetto. Tuttavia ogni società di progetto dev’essere creata in conformità con le regole legali e contabili della giurisdizione.

Società di progetto e rischi di insolvenza

La maggior parte dei progetti pubblici si basa sul sostegno di banche commerciali o altre istituzioni finanziarie. In genere, la società di progetto rappresenta l’ala finanziatrice e viene utilizzata per attrarre fondi da altri finanziatori o investitori. Questo accordo protegge l’agenzia governativa e tutte le parti finanziatrici dal rischio immediato di controparte. Nel caso di un finanziamento Pro Soluto, le uniche rivendicazioni valide del finanziatore sono limitate alle attività del progetto in caso di mancato completamento o di inadempienza, ovvero di mancato pagamento del prestito.

Categorie
Blog

Contattare Europa Factor per reclami e controversie

Europa Factor è l’azienda che opera, da più di vent’anni, nel settore di gestione, recupero ed acquisto di crediti. Attraverso un network qualificato di professionisti, la società presta grande attenzione a tutta la clientela, anche per la responsabilità sociale del contesto professionale in cui opera. Europa Factor è, inoltre, un’azienda che mette sempre al centro delle proprie attività il raggiungimento degli obiettivi prefissati, grazie ad un team altamente produttivo e specializzato. Il miglioramento continuo dei servizi offerti è uno degli obiettivi di Europa Factor, cercando di soddisfare sempre il cliente in termini sia di affidabilità che di risultati.

La gestione dei reclami e delle controversie

Anche le migliori società devono saper affrontare gli imprevisti. È infatti molto difficile riuscire a prevedere le esigenze di ogni singolo cliente ed è per questo che a volte, anche se la maggior parte dei clienti è altamente soddisfatta, si possono avere dei problemi con il servizio offerto. Per tale motivo è importante adottare, come nel caso di Europa Factor, un sistema di gestione dei reclami o controversie altamente efficace. Grazie al processo di gestione dei reclami ben progettato, Europe Factor riesce a gestire le pratiche nel miglior modo possibile, contribuendo così a ridurre il margine di errore con la propria clientela. Garantendo un elevato livello di trasparenza, la società di impegno a gestire in modo corretto, rapido e sensibile la relazione con ogni cliente. È possibile presentare un reclamo attraverso diversi modi:

●  tramite Posta Ordinaria o Raccomandata a/r inoltrata a: Europa Factor S.p.A. – Ufficio Gestione dei Reclami – Via Zoe Fontana 220, 00131 – Roma;

●  tramite mail: [email protected]

●  tramite sito internet compilando il form presente sul sito internet alla pagina “Invio di un Reclamo

●  tramite fax al numero (+39) 06 87459016

La società si impegnerà a fornire, entro 30 giorni, una risposta scritta al cliente.

Europa Factor, inoltre, ha aderito all’Arbitro Bancario e Finanziario istituito presso la Banca d’Italia, in merito ai sistemi di risoluzione stragiudiziale delle controversie in materia di operazioni e servizi bancari e finanziari. Per questo motivo, nel caso in cui un reclamo non venga giudicato soddisfacente, il cliente prima di rivolgersi ad un giudice può contattare l’Arbitro Bancario Finanziario (ABF). Per scoprire le modalità con la quale rivolgersi all’Arbitro, è possibile contattare Europa Factor o le Filiali della Banca d’Italia o, in alternativa, contattare direttamente la Segreteria tecnica dell’ABF al seguente indirizzo:

Arbitro Bancario Finanziario

Segreteria tecnica del Collegio di Roma dell’ABF

Via Venti Settembre, 97/e

00187 Roma;

o telefonicamente:

(+39) 06 4792923

Categorie
Blog

FAQ Europa Factor

Cosa succede se non pago Europa Factor

Se non paghi Europa Factor andrai incontro al processo di riscossione, facendo generare costi aggiuntivi per le azioni legali. Probabilmente non riesci a pagare l’intera somma nel momento in cui vieni contattato, perché stai riscontrando difficoltà economiche. Il consiglio è di contattare via email o telefonicamente Europa Factor attraverso i contatti indicati nella lettera che hai ricevuto. L’azienda comprenderà se le tue attuali condizioni economiche rendono difficile la risoluzione del debito. Potresti avere accesso a soluzioni costruite su misura per te.

Come difendersi da una società di recupero crediti se hai già pagato l’importo richiesto

Potresti aver ricevuto una lettera da Europa Factor in cui si chiedono dei soldi per un pagamento che hai già effettuato. In questo caso, contatta subito via email o telefonicamente Europa Factor, fornendo le informazioni utili ad identificare la lettera ricevuta, di modo che il team di Europa Factor possa verificare a che punto è la tua pratica. Solitamente, è consigliato l’invio di una copia contabile del pagamento per richiedere la chiusura della posizione e la registrazione della quietanza. Tieni presente che potrebbe essere necessario del tempo prima che il pagamento viene registrato nel sistema di Europa Factor, per questo motivo si consiglia di inviare la copia contabile.

Come pagare Europa Factor

Puoi effettuare il pagamento ad Europa Factor attraverso l’area dedicata ai pagamenti, raggiungibile in questo link. Europa Factor si avvale di PayPal e dei circuiti Postepay, Mastercard, Discover, Aura, American Express, Maestro, Visa e Visa Electron per la gestione dei pagamenti elettronici. Ciascun metodo di pagamento consente di effettuare pagamenti online con o senza iscrizione a seconda delle condizioni del proprio account (ad esempio, PayPal consente di effettuare pagamenti anche se non si è un utente registrato). Per pagare Europa Factor dovrai compilare i campi riguardanti il codice fiscale, il numero di riferimento della pratica amministrativa e l’importo da pagare. Una volta che il pagamento andrà a buon fine, riceverai una email di conferma con il codice di transazione. Consigliamo di inviare una copia contabile del pagamento all’indirizzo email [email protected] .

Europa Factor Reclamo

Potrebbero sussistere delle motivazioni per le quali le richieste di pagamento inviate da Europa Factor siano nulle o errate. Ad esempio, la società che ha comunicato la morosità del consumatore ad Europa Factor ha commesso un errore di cui Europa Factor non è a conoscenza, oppure potresti aver ricevuto una richiesta di pagamento di una somma che hai già pagato. Per inviare un reclamo ad Europa Factor devi compilare questo modulo online, specificando il tuo nominativo, il codice della pratica ed i contatti email e telefonici, dopodiché fornisci tutte le informazioni utili per motivare il reclamo. Sarà cura di Europa Factor provvedere a ricontattarti il più presto possibile per risolvere le problematiche riscontrate. Ricorda che il reclamo Europa Factor è gratis e non dovrai versare nessuna somma per poterlo inviare.

Categorie
Blog

Che cos’è una cessione Pro Soluto

Una cessione Pro Soluto è un atto con cui il creditore, che non è più responsabile di future inadempienze da parte dei debitori, cede il proprio credito a una terza entità, che può essere un privato o un’azienda, che diventa così la nuova proprietaria del credito. Facendo così, il creditore non ha più alcuna responsabilità sul debitore, ma resta comunque garante delle sue prestazioni. Ciò significa che, se per un motivo o per un altro, il debitore non paga più oppure sparisce nel nulla, la persona o l’azienda a cui ha ceduto il credito può rifarsi su di lui per ottenere la somma dovuta. Ne abbiamo parlato con il team del blog di Europa Factor,

Cessione Pro Soluto: perché conviene

Scritta così, la cessione Pro Soluto di un credito potrebbe non apparire così conveniente, ma in realtà ci sono molte situazioni in cui viene utilizzata in ambito commerciale e che può aiutare anche il creditore a uscire dall’impasse e a riavere il denaro che gli spetta. Per esempio, parlando nello specifico del campo della riscossione dei crediti, adottando questa soluzione il creditore non solo risparmia tempo prezioso e risorse, ma può anche agevolarlo, soprattutto se ha paura di non riuscire a recuperare il credito.

Inoltre, se il creditore è un’azienda, questa misura garantisce una liquidità immediata, quindi soldi che possono essere investiti velocemente e senza aspettare che il debitore saldi il suo debito.

Un altro vantaggio della soluzione Pro Soluto è che, a differenza di molte altre forme di cessione, consente di eliminare i costi di gestione del credito e di defiscalizzare le perdite.

Categorie
Blog

Non performing loans (NPL) o “crediti deteriorati”

Europa Factor è un partner globale per la gestione ed il recupero del credito con oltre 20 anni di esperienza. Offre servizi di acquisto, vendita e consulenza per la valutazione di portafogli di crediti NPL. Questi ultimi, conosciuti anche come crediti deteriorati

I crediti deteriorati, o NPL, sono dei prestiti bancari soggetti a ritardi nel rimborso o per i quali è improbabile che vengano rimborsati dal mutuatario. L’incapacità dei mutuatari di rimborsare i propri prestiti si è aggravata durante la crisi finanziaria causata dalla pandemia di Covid-19 e dalle successive recessioni. Di conseguenza, molte banche hanno registrato un accumulo di NPL nei loro libri contabili.  Questo fenomeno è stato particolarmente acuto in alcuni Paesi dell’Unione Europea, come ad esempio l’Italia – qui trovi un link utile sul sito della Banca d’Italia. Livelli elevati di NPL, leggiamo in queste statistiche, possono pesare sulla crescita economica, in quanto riducono la redditività delle banche e la loro capacità di concedere prestiti, in particolare alle PMI.

Le iniziative dell’Unione Europea per ridurre gli attuali indici di NPL

Affrontare i rischi legati agli elevati stock di NPL è principalmente responsabilità delle banche interessate e delle autorità nazionali. Tuttavia, in un’unione monetaria in cui le economie dei Paesi membri sono interconnesse e possono creare effetti di ricaduta, vi è anche un chiaro interesse dell’Unione Europea di diminuire gli attuali indici di NPL. Le autorità nazionali e le istituzioni europee hanno quindi unito le loro forze per affrontare il problema, seguendo le richieste elaborate dal Consiglio ECOFIN nel luglio del 2017. In quel periodo i Ministri delle Finanze avevano concordato un piano d’azione per affrontare i crediti deteriorati in Europa. Il piano invitava varie istituzioni – tra cui la stessa Commissione Europea – ad adottare misure adeguate per affrontare le sfide legate agli elevati indici di NPL in Europa.

Crediti deteriorati: le misure attuate dalla Commissione Europea

Nel marzo del 2018, un anno dopo l’elaborazione del piano da parte dei Ministri delle Finanze, la Commissione Europea ha presentato un pacchetto di misure per sciogliere il nodo dei crediti deteriorati.

Le misure, che sono ancora in vigore, mirano ad accelerare i progressi già compiuti nella riduzione degli NPL e a prevenire il loro nuovo accumulo.

Il pacchetto comprende:

  • Una proposta di regolamento che modifica la normativa sui requisiti patrimoniali e introduce livelli minimi comuni di copertura per i prestiti di nuova emissione che vanno in sofferenza. Questa misura obbliga le banche ad accantonare fondi per coprire i rischi associati agli NPL futuri;
  • Una proposta di direttiva sui credit servicer, sugli acquirenti di crediti e sul recupero delle garanzie. Ciò dà alle banche un meccanismo efficiente di recupero extragiudiziale del valore dei prestiti garantiti e incoraggia lo sviluppo di mercati secondari in cui le banche possono vendere i loro NPL agli investitori e avvalersi di credit service specializzati;
  • Un documento di lavoro dei servizi della Commissione Europea contenente un progetto per la creazione di società nazionali di gestione patrimoniale. Il documento fornisce indicazioni non vincolanti alle autorità nazionali su come istituire le AMC che si occupano di NPL

L’articolo è stato scritto in collaborazione con Europa Factor , azienda che opera, da oltre 20 anni, nel settore di gestione, recupero ed acquisto di crediti. Grazie ad un network qualificato, la società si è spesso distinta per l’attenzione rivolta non solo ai propri clienti, ma soprattutto per la responsabilità sociale del contesto professionale in cui opera. Si tratta di un’azienda solida e che desta particolare attenzione al raggiungimento degli obiettivi prefissati, grazie anche ad un costante processo di formazione che consente di garantire, alla clientela, un team altamente corso e produttivo. L’obiettivo è il miglioramento continuo dei servizi offerti, garantendo un elevato standard di professionalità, mirato a soddisfare il cliente in termini di risultati ed affidabilità.

Cosa fa Europa Factor

Grazie ad un’esperienza ventennale nel settore ed agli indicatori (KPI), vengono definite le strategie di recupero del credito più adatte ad ogni esigenza, oltre alle varie azioni massive da intraprendere. Per quanto riguarda il recupero di un credito stragiudiziale, il processo si compone in diverse fasi operative:

Definizione Cluster: viene definito un cluster per ogni tipologia di credito e valutati gli importi, la georeferenziazione ed il livello del rischio

Massive collection: in questa fase viene identificato un cluster di pratiche che verranno poi sottoposte ad un’azione massiva di sollecito per il recupero del credito.

One to One Collection: tramite questa fase vengono canalizzate azioni di home e legale collection, utilizzando anche leve di caring.

Per il recupero stragiudiziale, al fine di recuperare il credito, la società utilizza i seguenti strumenti:

●  17 call center e 2000 risorse distribuite in Italia

●  700 postazioni di lavoro integrate

●  40 aziende partner di recupero

●  80 persone, tra dipendenti e professionisti, che lavorano direttamente da casa

Per quanto riguarda il recupero giudiziale dei crediti, Europa Factor anche qui ha definito un workflow operativo per coprire l’intero iter amministrativo. Tramite una struttura interna di legali e corrispondenti verranno gestite, in modo efficace ed efficiente, tutte le fasi relative al conseguimento degli obiettivi prefissati, garantendo al cliente le performance concordate. Gli strumenti utilizzati sono:

●  20 risorse dedicate che costituiscono l’Ufficio Legale interno di collegamento

●  Due Diligente ed assegnazione del ranking/scoring

●  Ampia Rete di Legali esterna in convenzione

Acquisto del credito

Europa Factor tra i suoi servizi, offre anche la possibilità di acquistare direttamente il credito insoluto del cliente, proponendo varie forme di pagamento:

Pro Solito One Shot: unica soluzione di pagamento

Pro Solito Best Price: migliori condizioni di pagamento che verranno però effettuate in più tranche

Per entrambe le soluzioni non ci sarà alcun costo da affrontare per la società cedente, in quanto tutta l’attività amministrativa sarà a carico di Europa Factor.

Categorie
Blog

Cosa sono i crediti deteriorati

Riceviamo e pubblichiamo dal team del blog di Europa Factor l’approfondimento che segue in materia di crediti deteriorati o Non Performing Loans (in sigla NPL). Tra le varie priorità nell’attività di vigilanza della Banca Centrale Europea c’è sicuramente la prevenzione e la gestione dei crediti deteriorati. Prima di affrontare il discorso e capire cosa sono, è importante fare una premessa in merito alle caratteristiche dell’attività bancaria. L’erogazione di prestiti rientra tra i principali compiti di una banca dove, attraverso di essi, le imprese riescono ad investire creando nuovi posti di lavoro mentre i singoli cittadini possono acquistare beni primari come case o autovetture. Erogando un prestito la banca genererà un profitto attraverso gli interessi e, se il debitore rispetta i termini di pagamento e salda puntualmente le rate e gli interessi, il prestito viene definito “in bonis”. Potrebbe però accadere che l’impresa o il cittadino non riescano a rispettare gli accordi ed è in questo caso che il credito diventa “deteriorato”. Possiamo quindi definire “di cattiva qualità” tutti quei crediti che diventano deteriorati.

Quando un credito diventa deteriorato

Il passaggio tra credito a credito deteriorato avviene quando si ritiene che il debitore non riesca a rimborsare il prestito oppure quando sono trascorsi più di 90 giorni dalla data stabilita per il rimborso.

Una volta concesso un prestito, il compito di una banca è quello di esaminare attentamente il credito erogato, cercando appunto di individuare per tempo se tale credito rischia di diventare deteriorato. Quest’attività si chiama “rilevazione dei crediti deteriorati”

Perché i crediti deteriorati potrebbero avere degli effetti negativi

I crediti deteriorati fanno parte dell’attività bancaria, in quanto tutti quei soggetti o quelle imprese che si trovano in difficoltà finanziarie sono eventi che, purtroppo, rientrano nell’ordinario. I prestiti di cattiva qualità comportano ovviamente dei costi per le banche ed è per questo che dicono essere contenuti al minimo livello. I crediti deteriorati agiscono, gravando sulle banche, in due modi. Il primo è l’indebolimento della redditività, in quanto generano le perdite che a loro volta riducono gli introiti che derivano dall’attività creditizia. 

Per far fronte a queste perdite, le banche, devono effettuare degli accantonamenti, che sono dei fondi messi da parte per coprire delle perdite preventivate. Per questo motivo, il secondo modo in cui agiscono i crediti deteriorati è l’impossibilità per le banche di utilizzare quei fondi per erogare nuovi prestiti e questo comporta una riduzione degli utili. Una banca che ha sulle spalle troppi crediti deteriorati non può fornire dei finanziamenti adeguati soprattutto alle aziende che necessitano di investimenti e, nel caso in cui siano tante le banche a versare in questa situazione, può risentirne tutta l’economia in generale.

A proposito dei servizi di gestione del credito in Europa Factor

Europa Factor è un partner globale orientato al risultato che, grazie all’esperienza maturata e agli indicatori KPI, riesce a definire le strategie di recupero crediti stragiudiziale e legale più adatte. Puoi cliccare qui per saperne di più